BTC-ECHO alla Bitcoin & Blockchain Conference a Malta

BTC-ECHO si è recata a Malta per farvi partecipare e riferire alla Bitcoin & Blockchain Conference a La Valletta. La conferenza, alla quale hanno partecipato a livello internazionale, fa parte della serie di eventi Bitcoin & Blockchain organizzati da Smile Expo in tutto il mondo. A margine dell’evento, abbiamo avuto anche l’opportunità di osservare da vicino Malta come sede di lavoro.

Anche se gli organizzatori, i relatori e il pubblico erano tutti confusi, una forte influenza maltese si è già avvertita nel corso dell’evento. Il punto di vista maltese ha dominato sia gli oratori che i temi del giorno.

Tuttavia, l’evento ha avuto un orientamento internazionale di Bitcoin evolution

Dopo che Silvio Schembri, il Segretario di Stato maltese per i servizi finanziari, l’economia digitale e l’innovazione, aveva presentato l’evento al Primo Ministro di Malta, il contenuto dell’evento è iniziato immediatamente. Loui Mercieca, l’architetto maltese del software della start-up Agilis, ha presentato le funzioni tecniche di base della catena di blocchi Bitcoin evolution per portare il livello minimo di conoscenza del pubblico ad un livello uniforme. Questa comprensione ha costituito la base per il resto della giornata, in quanto le seguenti presentazioni si sono concentrate su progetti basati su diverse applicazioni di Ethereum.

Nel complesso, l’evento si è concentrato sugli investimenti

C’era un’area espositiva nell’area d’ingresso dell’hotel dove era previsto l’evento, così come una sessione di pitch session, che serviva a presentare progetti che stavano pianificando un ICO nel prossimo futuro o che potevano già offrire la prospettiva di una vendita simbolica. Inoltre, sono stati organizzati due importanti panel round che hanno riguardato questioni di regolamentazione dei progetti a catena di blocchi in generale e delle OIC in particolare.

L’attenzione all’investimento in valute e ICOs cripto è stata posta anche da diverse presentazioni di start-up e investitori su aree selezionate come le attività digitali, il margin lending e il lancio di ICO.

Tuttavia, l’intero evento non è stato incentrato sul tema dell’investimento. Ad esempio, Fintech e Abdalla Kablan, esperta di AI, ha introdotto il tema dell’intelligenza artificiale e ha stabilito legami con la catena di blocchi. Max Krupyshev, COO di Cubits, ha anche spiegato come la tecnologia Blockchain è cambiata negli anni dall’avvento del Bitcoin e quale impatto ha avuto sull’intera applicazione. Un ultimo panel si è occupato anche dei rischi che il cripto trading valutario pone ai sensi della direttiva antiriciclaggio dell’UE e delle soluzioni che potrebbero essere presentate in questo settore. In particolare, è stato affrontato il principio del “Know-Your-Customer-Principio” (KYC) – già applicato in Giappone – che dovrebbe portare ad un livello più elevato di tutela dei clienti e degli investitori.

Durante la nostra visita all’evento, abbiamo anche potuto esplorare Malta come punto di riferimento europeo per le applicazioni a catena di blocco e le valute criptate. Dall’inizio dell’anno, ad esempio, lo Stato sta lavorando all’ulteriore elaborazione di una strategia nazionale a lungo termine per la catena di blocco. In questo modo si intende mettere in evidenza l’uso delle possibilità della tecnologia Blockchain per l’uso statale. Inoltre, è prevista la creazione di un nuovo quadro giuridico che permetterà di sviluppare ulteriormente Malta verso un ecosistema a catena di blocchi. Il primo ministro Joseph Muscat ha più volte sottolineato l’importanza delle valute digitali e ha chiesto che il loro utilizzo venga testato a livello statale e comunitario.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.